La Via degli Abati, l’antica variante appenninica della Francigena, riaperta fino a Pavia

 

Pavia Bobbio Borgo Val di Taro Pontremoli ----- Via degli Abati

Come è noto, il percorso della via Francigena che oggi si conosce è quello descritto nel suo diario di viaggio dall’Arcivescovo Sigerico, nel ritorno da Roma verso Canterbury tra il 990 e il 994. Giunto a Pontremoli e dovendo attraversare l’Appennino, Sigerico scelse la via del passo della Cisa ( Monte Bardone ), che consentiva di raggiungere, disegnando un ampio arco, le città della pianura ( Fidenza, Piacenza, Pavia ).

Esisteva tuttavia anche un’altra via attraverso i monti, percorsa fin dal VII secolo soprattutto da chi viaggiava a piedi, quale tragitto più breve da Pavia a Lucca e verso Roma.

L’itinerario, utilizzato già dai sovrani longobardi prima della conquista della Cisa, controllata dai bizantini, toccava anche l’abbazia di Bobbio, dove i pellegrini diretti a Roma e provenienti dalla Francia e dalle Isole Britanniche passavano a venerare le spoglie di San Colombano (+615), grande abate irlandese e padre, con San Benedetto, del monachesimo europeo.

Per questo già in età longobarda, lungo il percorso, oltreché a Pavia ed a Lucca, sorgevano “hospitales” di San Colombano. Il tragitto era parimenti seguito dagli abati di Bobbio per andare a Roma presso il pontefice, da cui l’abbazia direttamente dipendeva.

L’antico itinerario, per la parte Bobbio-Pontremoli, è stato riscoperto verso la fine degli anni ‘90 da Giovanni Magistretti, studioso piacentino, autore di diverse relazioni sulla Via e membro dell’Associazione, ed è stato pubblicato nel maggio 2011 in una Cartoguida della Via degli Abati, realizzata con la collaborazione dell’Istituto per geometri "Tramello” di Piacenza, delle sezioni CAI provinciali e grazie anche all’intervento delle varie Amministrazioni locali.

Nella Cartoguida, disponibile presso i punti di informazione turistica dei Comuni interessati, (può essere richiesta anche direttamente all’Associazione Via degli Abati [viadegliabati@gmail.com]), viene presentato l’intero percorso, lungo 120 km., suddiviso su due fogli con quattro facciate a colori, in scala 1: 25000.

Dal maggio 2008 Elio Piccoli, maratoneta, presidente dei “Lupi d’Appennino”, organizza sul percorso la “The Abbots Way”, ultra-maratona da Pontremoli a Bobbio, divenuta una delle più importanti ultra-maratone nella natura (con solo il 10% circa di tratti asfaltati).

Nel 2012 Giovanni Magistretti, con l’apporto determinante di Mario Pampanin, presidente degli Amici di San Colombano, ricuperando suggerimenti di mons. Domenico Ponzini, ha ricostruito anche il percorso che da Pavia conduce a Bobbio.

Nella ricerca si è tenuto presente quanto scrive lo storico dei Longobardi Paolo Diacono che, nella sua “Historia Langobardorum”, colloca Bobbio distante da Pavia 40 miglia (pari a circa 60 chilometri), e si é individuato quindi l’itinerario che più si avvicina a tale indicazione, tenendo conto dei luoghi in cui risalire a memorie longobarde, alto-medievali o del Monastero di Bobbio, anche senza un puntuale riferimento alla traslazione del corpo di San Colombano da Bobbio a Pavia. I monaci del Monastero di Bobbio, infatti, guidati dall’abate Gerlanno, nei giorni 17, 18 e 19 luglio dell’anno 929, trasportarono le reliquie di San Colombano attraverso un percorso leggermente più lungo, da Bobbio a Pavia, studiato appositamente allo scopo di rivendicare davanti al re Ugo di Provenza i beni del Monastero, usurpati dal vescovo di Piacenza Guido e da altri feudatari.

La via individuata (passando per Caminata, Pometo, Canevino, Cella e altre località storiche) è lunga 66 km. e può considerarsi il prolungamento della Via degli Abati, che diventa in tal modo la Variante Appenninica della Via Francigena, congiungendo Pavia e Bobbio a Pontremoli.

Si stanno prendendo i contatti con i vari enti interessati per arrivare a pubblicare, anche per il tratto Pavia-Bobbio, una Cartoguida a colori, in scala 1:25000 con l’aggiunta di notizie di carattere storico, artistico ed ambientale sui territori dei Comuni attraversati, come già per il primo tratto Bobbio-Pontremoli. Diversi Sindaci hanno commentato favorevolmente l’iniziativa.

Particolare interessante: la Via degli Abati è stata inserita nella mappa delle vie storiche della Toscana, quale variante appenninica per raggiungere la pianura padana. Diventa evidente quindi l’importanza del prolungamento fino a Pavia della Via degli Abati nel quadro dei percorsi tra Toscana e Lombardia e verso l’ Europa nord-occidentale.

 

Associazione degli Amici di San Colombano – Fondata nel 1951

29022 Bobbio (PC), Piazza Duomo 5 - Tel. 339 1669451 (Segretario) - latrebbia@email.it

Bobbio 26 agosto 2012

 
Nel 2013 sono state pubblicate due Guide :

Cosi Francesca e Alessandra Repossi, La Via degli Abati, ed. Ancora

N. e L. Mazzucco e G.Mori, Guida alla Via degli Abati, ed. Terre di mezzo, (indica e accompagna nel percorso da Pavia a Bobbio a Pontremoli e viceversa).

 

PAVIA-BOBBIO NOTE SUL PERCORSO OSPITALITA’ (31 MAR. 2012)

Elenco punti tappa sulla Pavia- Bobbio:

Pavia - Broni - Colombarone km 18

Colombarone –Francia km 10

Francia – Canevino km 7

Canevino - Pometo km 3

Pometo – Caminata km 4

Caminata - Grazzi km 14

Grazzi – Sassi Neri km 6

Sassi Neri - Bobbio km 6

Totale km 68

 

Paolo Diacono, lo storico dei Longobardi, scrive nella sua “Historia Langobardorum” che Bobbio dista da Pavia 40 miglia, pari a circa 60 chilometri.

La via più breve che si è potuta individuare (passando per Canevino) è lunga 68 km. Tutti gli altri percorsi sono più lunghi: da 92 a 98 chilometri.

I monaci del Monastero di Bobbio, guidati dall’abate Gerlanno, nei giorni 17, 18 e 19 luglio 929, trasportarono le reliquie di San Colombano da Bobbio a Pavia per rivendicare davanti al re Ugo di Provenza i beni del Monastero, usurpati dal vescovo di Piacenza Guido e da altri feudatari.

Il primo giorno giunsero a Zavattarello; il secondo giorno passarono per Canevino (dove avviene il prodigio del bambino muto dalla nascita che inizia a parlare al passaggio delle reliquie) arrivando al Po per la sera; il terzo giorno giunsero a Pavia, dove nella chiesa di San Michele vennero depositate le reliquie di San Colombano (che saranno successivamente riportate a Bobbio).

 

IL PERCORSO OGGI

 

Il percorso, che da Pavia punta verso le colline dell’Oltrepò e quindi verso il crinale appenninico del monte Penice, si compone di tre parti, di quasi eguale lunghezza (circa 20 chilometri ciascuna): una prima di pianura (da Pavia a Broni ed alla prima collina); una seconda di collina (che si conclude a Pometo /Caminata); una terza di alta collina e montagna (da Caminata al crinale del Penice), al termine della quale si scollina per poi scendere a Bobbio.

 

Da Pavia si esce alla periferia est, passando vicino alla chiesetta romanica di San Lazzaro dei pellegrini e seguendo la Via Francigena. Al termine delle case si lascia la Via Francigena e si punta verso sud, seguendo la Green Way del Parco del Ticino. Il sentiero è stato ripulito recentemente dalla vegetazione spontanea e l’Ente Parco del Ticino vi ha fatto collocare alcune tabelle segnavia (modello bianco-rosso tipo CAI, sigla GW).

Si segue il sentiero che corre parallelo al fiume fino al Ponte della Becca, alla confluenza Po -Ticino (6 km). Il transito sul ponte è oggi consentito solo alle autovetture a velocità limitata (40/50 km./h), oltre ovviamente a pedoni e ciclisti.

Superato il ponte, si prende a sinistra l’argine maestro del Po (sterrato e senza traffico) che costeggia il fiume e poi piega verso le colline, in direzione Broni-Stradella.

A Broni (16 chilometri da Pavia: via dei Mille, via Cairoli, via Volta, via Emilia, via Dante, infine via Monte Grappa) si risale la via dell’Acqua Calda vecchia (sterrata e senza traffico) fino a Colombarone (18 km), all’inizio del crinale delle colline che separano la valle Scuropasso dalla valle Versa.

Da Colombarone si segue quindi il crinale per intero (strada provinciale dell’Acqua Calda, asfaltata ma con scarso traffico, solo locale) incontrando in successione le località di Castana, Sannazzaro, Cella, Spagna e Francia (queste ultime saltate nella foto copiatura del foglio B) e quindi Ca’ Tessitori (in alto del foglio C), dove si devia per la carrareccia fino a Canevino ed infine a Pometo (38 chilometri da Pavia).

 

Da Pometo si scende in 4 chilometri nella val Tidone a Caminata, antico borgo fortificato (oggi in provincia di Piacenza), si passa il ponte sul fiume e si incomincia la risalita verso Ronchi, Trebecco, Fontanasso, Casa Bobbiese, Ca’ dei Giorgi, Cappelletta (26-69), dove si scollina verso sud-est e poi a quota 752 (69/27E) si va verso sud (alle spalle si lascia Ca’di Lazzarello). Da lì, seguendo il sentiero CAI 219-19, si arriva a Praticchia-Grazzi (56 km. circa da Pavia).

 

Da Praticchia-Grazzi (12 km. da Bobbio) sentiero CAI 201-19 verso sud fino a incrociare il 201, lo si segue fino al 101 e seguendo le frecce CAI (di cui non si hanno i numeri perché segnate recentemente), sempre verso sud, si arriva in località Sassi Neri.

Si esce sulla strada asfaltata del Penice e (svoltando a sinistra e poi a destra) ci si trova ad incrociare la strada comunale asfaltata per Gorazze, che si imbocca in discesa. Dopo alcune centinaia di metri (località Croce), a sinistra, si stacca carrareccia che scendendo passa per l’oratorio della Madonna di Caravaggio e, lasciando egualmente a sinistra Castighino, prosegue su asfalto fino ad arrivare in località La Valle .

Appena fuori l’abitato di La Valle, verso sud, si imbocca a sinistra carrareccia (detta la Squera, vecchia Strada del Sale per Milano) e in 20’ si giunge a Bobbio.

 

OSPITALITA’

Non si assume alcuna responsabilità per le informazioni riportate, che sono puramente indicative. Notizie più aggiornate e contatti diretti vanno presi con gli uffici turistici relativi o con i singoli esercizi

 

A Colombarone (appena arrivati sulla collina, salendo da Broni, a circa 18 chilometri da Pavia, direttamente sulla Via): B&B La vecchia Cantina, tel. 0385.88326, www.lavecchiacantina.it.

 

Lungo tutto il percorso della zona collinare sono presenti trattorie, bar e ristoranti

 

Tra Francia e Canevino (deviando per la strada asfaltata anziché lungo la strada vicinale, tra i chilometri 29 e 31 circa da Pavia, cioè prima e dopo Montecalvo Versiggia): Agriturismo Castelrotto di Torti Patrizia, località Castelrotto 6, tel. 0385.99762; Agriturismo Il Costiolo di Ghelfi Piera, località Colombato, tel. 0385.798353, info@ilcostiolo.it.

 

In località Caseo, ove è posto il municipio di Canevino (proprio all' inizio della deviazione in salita che si segue e che conduce alla chiesa), chiedere eventualmente del Sindaco signor Chiesa, amico di San Colombano e dei pellegrini. Il sindaco di Canevino è il sig. Luigi Chiesa, tel. 338/7868556

(abita a Santa Maria della Versa)

.

A Pometo (al termine del crinale collinare, in vista della Valtidone, a circa 38 chilometri da Pavia, direttamente sulla Via): Agriturismo Pisani di Pisani Luciano, Via della Chiesa 10, tel. 0385.98826, www.agriturismopisani.it; Agriturismo Boccapane di Pozzo Ilaria - località Casa Vannone 10 - tel.0385.98077.

 

A Caminata (al fondo della Valtidone, a circa 42 chilometri da Pavia): Ristorante Pace, ( 2 camere: 4/6 posti letto) via Provinciale 10 - tel. 0523/990.047; Ristorante Il nido del Cuculo, via V.Emanuele 18 - tel. 0523/990.134. A Nibbiano (1 km oltre Caminata) Croce Rossa I., via Roma 28 (indicano possibilità alloggio).

A Grazzi Superiore (deviando poco prima di Praticchia, ultimo abitato risalendo il crinale montano e prima di valicare la dorsale del Penice, a circa 56 chilometri da Pavia): Agriturismo Finarlon di Alvisi Francesco, tel. 0385.42071; Agriturismo L'Agricola Filippini di Libralesso Laura, tel. 0383.580208 ; Agriturismo Giaredi, di Giaredi Simona, tel. 335/1584358 (in cui si trovò bene l'amico Michele Tex).

Ai Sassi Neri di Bobbio (dopo aver scollinato in Valtrebbia, sopra Bobbio, a circa 62 chilometri da Pavia ed a 6 da Bobbio): Albergo Ex Chalet della Volpe (stagionale), tel. 0523.933404. 

 

A Bobbio

 

IAT BOBBIO – Piazza S. Francesco - 29022 Bobbio - mercoledì al sabato 9:30-12:30 e 16-19,

domenica 8:30-12:30

Tel. 0523/962.815

iatbobbio@libero.it/

sito www.comune.bobbio.pc.it/

 

IAT Valtidone – Borgonovo Val Tidone

Tel. 0523/861.210

Elenco attrezzature turistiche per gruppi (ostelli, canoniche, conventi)

I numeri dei posti letto sono indicativi e possono essere aumentati qualora si sia forniti di sacchi a pelo

 

BOBBIO

 

N.CAM

P.LETTO

Ostello di Palazzo Tamburelli (comunale) www.cooltour.it/ostello.htm

Contrada dell’Ospedale 12, Bobbio; cell. 340/5578 162

VA

 

 

37

Casa accoglienza Le Grazie (parrocchiale) Piazza Santa Fara, Bobbio; tel. 0523/936.219

VA

 

 

22

Casa accoglienza Don Orione (Orionini

Località Fornace (1,5 km), Bobbio

VA

 

60

Ostello S. Paolo- don Aristide Conti B & B Mezzano Scotti (6 km); cell. 339/5719.988 0523/937.125

 

 

 

5/10

Ostello Sports in Open Space, loc. Marsaglia di Cortebrugnatella (10km.)via Trebbia 18 www.sportsinopenspace.com 7

 

7

50

 

 

 

 

Alberghi, locande, B & B, agriturismi, affittacamere e camping

Viene segnalato con VA il locale sito sulla via degli Abati, oppure nel centro dell’abitato o nelle vicinanze del Comune (distanza in KM.)

 

Alberghi con ristorante BOBBIO

CAT

N. CAM

P.LETTO

CACCIATORI, Contrada di Porta Agazza, 7

tel.e fax (rist. segn.) 0523/936.267www.ristorantecacciatoribobbio.it

***

VA

 

11

 

21

PIACENTINO, piazza S. Francesco 19,

tel.e fax 0523/936.266 www.hotelpiacentino.it/

***

VA

 

29

 

36

 

 

 

 

Ridella(5 km)
Via Girone 3 Loc. Santa Maria –Bobbio- Tel +39 0523 933130

***

 

 

16

 

32

Filietto (6 km) www.filietto.it Costa di Mezzano Scotti, Costa Tamburlani Tel +39 0523 937104

***

 

 

 

12

 

24

Ranella (6 km) http://www.ristorantedaranella.it/

Via Roma 26 – Mezzano Scotti - Tel +39 0523 937126

***

 

10

 

17

Vecchia Fornace
Via Genova 9 – Bobbio - Tel +39 0523 936126

**

VA

 

14

 

24

Giardino
P.zza S. Francesco 12 –Bobbio-Tel +39 0523 936247

**

VA

 

12

 

23

Agriturismo San Martino (1 km)

www.agriturismo-sanmartino.com/
Loc. San Martino 5-Bobbio –Tel +39 0523 936986

VA

 

CAVALLI

4

22

Agriturismo Le Mogliazze (8 km) www.mogliazze.it/ loc. Le Mogliazze – Bobbio – Tel +39 0523 936633

 

8

22

Agriturismo Cascina Morina (2 km)

www.agriturismo-cascinamorina.com/
loc. Morina 1 Bobbio Tel +39 0523 936204

VA

6

11

Agriturismo Buon Gusto, loc. Barostro(5 km.)

www.agriturismobuongusto.it

Loc. Barostro – fraz. Santa Maria di Bobbio

Tel. +39 0523 933489

VA

15

31

B&B Ristorante San Nicola www.ristorantesannicola.it

Contrada Borgo Ratto Bobbio Tel +39 0523 932355

VA

3

5

B&B “Dar Dom”. L’antica Dimora di Nene irenepiccinini@interfree.it

Piazza Duomo 10, Bobbio, cell. 393.7843 840

VA

3

8

B&B Locanda Nobili (5 km)
Loc. Casa Draghi 16, Santa Maria di Bobbio

Tel +39 0523 933134

 

3

3

B&B Il Ghiro (2 km) www.ilghirodibarberino.it/home.htm
Loc. Barberino1, Bobbio (PC), Tel +39 0523 937703

 

3

10

B&B La Torretta Resort (1 km) www.latorrettaresort.it

Loc. Piancasale, Bobbio, cell. 348/2300501

 

3

6

B&B Al Museo (7 km) www.museoetnograficovltrebbia.it

Loc. Callegari 11, Cassolo, Bobbio

 

3

4

Camping Ponte Gobbo (1 km) www.campingpontegobbo.com

Loc. San Martino Terme, Bobbio, tel. 0523.936 927

 

VA

Piazzole

210

unit.abit

13

Camping Ponte Barberino (2 km)

www.villaggio-barberino.com

Loc. Ponte Barberino, Coli (Comune di), Tel. 0523.961.006

VA

100

1

Pensione Cavalli

 

 

 

Pecos Bill’s Ranch di Necchi Jacopo

Loc. Fornace – Bobbio Tel.338-6750624/346.2449502

VA

CAVALLI

 

 

Nelle vicinanze di Bobbio

 

 

 

Ostello Sports in Open Space Marsaglia (10 km.) www.sportsinopenspace.com

Via Trebbia 18 Loc. Marsaglia di Cortebrugnatella

 

7

50